Home Eventi Eventi 2014 - 2019 In London's little Italy (E14)

 

 

Mostra curata da Alfio Bernabei incentrata su documenti trovati durante le ricerche per il suo documentario televisivo Dangerous Characters trasmesso da Channel 4 nel 1986 (Premio “migliore ricerca” al Festival dei Popoli di Firenze) e per il suo libro Esuli ed Emigrati nel Regno Unito 1920-1940 pubblicato nel 1997 da Mursia, Milano.*

La mostra illustra con una cinquantina di foto e documenti come la comunità italiana nella “Little Italy” di Londra visse tra gli anni 1920-1940 con riferimento agli episodi tra fascismo e antifascismo che inquadrano storicamente la tragedia dell’Arandora Star nella quale il 2 luglio 1940 persero la vita circa 480 italiani.

La mostra apre con alcuni riferimenti alle origini della “Little Italy” di Londra nel quartiere di Clerkenwell intorno al 1850 con Giuseppe Mazzini in esilio dedicato ad attività filantropiche come la scuola per i bambini poveri. Segue la visita di Garibaldi a Londra con accoglienze trionfali.

Si passa alla seconda ondata di esiliati tra anarchici, repubblicani e socialisti che tra il 1890 e il 1912 si rifugiano a Londra principalmente nel quartiere di Soho. Sono i primi a reagire quando nel 1921 il primo fascio all’estero nasce a Londra.

Viene illustrato il primo movimento antifascista all’estero attraverso le pagine del giornale Comento e il riverbero causato sulla stampa britannica dall’assassinio di Matteotti avvenuto dopo la sua visita a Londra nell’aprile 1924 per incontrare esponenti del partito laburista.

Si fa riferimento alla sezione di Londra della Lega per i diritti dell’Uomo, attiva principalmente negli Anni Trenta, e agli apporti di Carlo Rosselli e Salvemini a sostegno dell’antifascismo esemplificato da riviste come New Times and Ethiopia News diretta dalla suffragetta Sylvia Pankhurst insieme al di lei compagno Silvio Corio.

Si arriva all’internamento degli Italiani dopo la dichiarazione di guerra dell’Italia al Regno Unito del 10 giugno 1940 e all’affondamento dell’Arandora Star che trasportava verso il Canada circa 1200 tra internati italiani e prigionieri di guerra tedeschi. L’episodio viene considerato da molti come la più grave tragedia mai avvenuta nella storia dell’emigrazione italiana.



La mostra è stata originalmente commissionata nel 2010 dal Centro Studi Piero Calamandrei di Jesi che ha tra i suoi sostenitori l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, oggi Presidente Onorario del Centro Studi P. Calamandrei. Viene presentata leggermente ampliata e più mirata ad un pubblico inglese alla Holborn Library, 32-38 Theobalds Road, WC1X 8PA.

Il contenuto della mostra riflette ed amplia quanto gia’ presentato in due precedenti occasioni.


L'anarchico Emidio Recchioni con Marie  Luise Berneri, figlia di Camillo Berneri al British Museum


negozio King Bomba:luogo di incontro degli esuli a londra