Home Cose da Jesi - Logica Progetto Una lettera a Voce Vallesina

 


cose da Jesi

 

UNA LETTERA A "VOCE DELLA VALLESINA"
NON PUBBLICATA E SENZA ALCUNA RISPOSTA

rivendico il sacrosanto diritto di capire

 

 

Gentile Direttore Beatrice Testadiferro,

 

so di sorprenderla comunicando che lei non sta dirigendo "Voce della Vallesina", bensì "Voce di Massaccesi".

Ora, da laico un po' anticlericale, rispettoso però della fede, a me non dispiace leggere il settimanale della Diocesi, mentre sono totalmente disinteressato alla lettura di un periodico di Vittorio Massaccesi. E mi spiego.

Sembra che a Jesi esista solo il problema del monumento a Pergolesi, sul cui tema 'il nostro' ha espresso un parere anche condivisibile; epperò... Epperò, se Cascia dice che è d'accordo con lui, ci ritorna su; se benemerite associazioni sono sulla sua posizione, ci ritorna su; se Rocchegiani lo appoggia, ci ritorna su; addirittura se io dico che su quell'argomento non ha torto, ci ritorna su. Sono 5 o 6 numeri del settimanale che, nella rubrica "Il palazzo e dintorni", non si parla d'altro. Non è un po' troppo? Non è autoreferenziale? Non è un uso smodato di un mezzo che non è al servizio solo delle sue idee?

Adesso leggo nell'ultimo numero anche il fondo di prima pagina sul referendum, dove Massaccesi prende, e quindi fa prendere al giornale della Diocesi, visto che ne è l'opinionista principe, posizione a favore del Sì al referendum. Libero lui di votare come preferisce, ma è corretto che lo dica e sostenga dalla prima pagina di Voce della Vallesina? E che argomenti la sua scelta con atteggiamento di superiorità vicina alla spocchia nei confronti di chi, richiamando il testo del nuovo art. 70, lamenta difficoltà di comprensione? Vittorio Massaccesi chiarisca cosa ha capito, lui che pure è stato professore e preside, di un pezzetto delle 347 (!) parole del nuovo art. 70. Questo: "La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere [che è l'intero art.70 in vigore] ... per le leggi di cui agli articoli 57, sesto comma, 80, secondo periodo, 114, terzo comma, 116, terzo comma, 117, quinto e nono comma, 119, sesto comma, 120, secondo comma, 122, primo comma, e 132, secondo comma. Le stesse leggi, ciascuna con oggetto proprio, possono essere abrogate, modificate o derogate solo in forma espressa e da leggi approvate a norma del presente comma."

Quanto sopra riportato è solo la quinta o sesta parte dell'intero nuovo art.70 della Costituzione Italiana. Qualcuno lo capisce? No! Massaccesi conosce gli articoli e i commi e i periodi citati? Io dico di no. Il professore editorialista può spiegarli agli studenti, agli jesini, ai lettori ? Io dico ancora che non può.

E allora deve rispettare quello che è stato rivendicato da qualcuno, per esempio dal Centro Calamandrei, e cioè che reclamare chiarezza non è fare astiose polemiche, ma è irrinunciabile espressione del sacrosanto diritto di capire.

Ma sa qual'è, al di là dei contenuti, la vera differenza tra la Costituzione del '48 e l'odierna proposta di modifica? È che i De Gasperi, i Calamandrei, i Togliatti di allora, fior di studiosi e intellettuali, sentirono il bisogno di affidarsi ad un emerito linguista perché le norme risultassero chiare e comprensibili a tutti, ma proprio a tutti; i Renzi, le Boschi, gli Alfano di oggi, pur avendo loro qualche problema a padroneggiare i congiuntivi, questo bisogno non l'hanno sentito, questo rispetto per i cittadini non l'hanno avuto. E ho il sospetto che, presi dalla Ruota della fortuna, nemmeno sapessero dello scrupolo democratico dei nostri Padri Costituenti. Tutto qui... e nessuno si sognerà mai di definirli tali.

E poi, mi dica Direttore: la Diocesi è per il Sì? Il periodico della Diocesi è per il Sì? E, di grazia, in virtù di quale indirizzo? emesso da chi?

Gian Franco Berti
Centro Studi Piero Calamandrei

4 novembre 2016

 

 


 

CONTRO I LUOGHI COMUNI E LE FRASI FATTE
per esempio il ping pong Camera-Senato delle leggi
(in risposta ai
tanti che, contrariamente da noi,
tanto spazio trovano in Voce della Vallesina)

 

 

da "La Stampa" del 10 novembre 2016